Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Un palco all'opera
Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Manfred Honeck direttore
Alessandro Carbonare clarinetto


Due settimane di concerti con Manfred Honeck, ormai una presenza costante nelle stagioni dell'Accademia di Santa Cecilia. Il direttore austriaco, già violista dei Wiener Philharmoniker, ha ovviamente un rapporto privilegiato con il repertorio che si riconduce alla città della celebre orchestra.

In "Un palco all'opera" Honeck ci conduce idealmente in un teatro per assistere a opere e balletti. Tre dei brani in programma sono direttamente ricavati da più ampi lavori destinati alla rappresentazione: Rusalka è l'opera più popolare di Dvorák e Honeck ne ha tratto una Suite da concerto tutta in versione sinfonica e nella quale si ascoltano in sequenza e senza soluzione di continuità tutte le pagine che hanno reso popolare questa opera anche al di fuori dei confini della Boemia. Panna montata, di cui sono eseguiti alcuni brani, è uno scintillante balletto di Richard Strauss dalla sontuosa orchestrazione e la Suite del Cavaliere della Rosa, un grande classico e brano di estremo virtuosismo per qualsivoglia compagine orchestrale. Virtuosismo che ritroviamo con Alessandro Carbonare, Primo clarinetto dell'Orchestra di Santa Cecilia, solista del Concerto n. 1 di Weber dove, accanto ai passaggi di bravura, si affaccia quella cantabilità che appartiene alla vena più autentica del compositore che è stato protagonista della scena operistica tedesca dell'inizio dell'Ottocento.